Ottica La Barbera nasce nel 1837 e da allora è sinonimo di professionalità, tradizione ed eleganza. Un tempo fornitrice ufficiale della casa reale, è oggi un punto di riferimento essenziale nel campo dell’ottica e del design della Capitale.

Chi ci conosce, ci apprezza per l’assistenza personalizzata, le più avanzate tecnologie,
i prodotti di prima qualità, che, di generazione
in generazione, abbiamo messo a disposizione di una clientela locale ed internazionale sempre più esigente.

Con lo sguardo al futuro e l’esperienza secolare alle spalle, dedichiamo tutti i nostri sforzi per prenderci cura degli occhi, la nostra finestra sul mondo.

Dal 1837 il miglior punto di vista.
OTTICA:
Esami e controlli della vista con strumenti computerizzati tecnologicamente all’avanguardia. Consulenza specializzata per la scelta del tipo
di lente correttiva. Assistenza personalizzata. Servizio di controllo, pulizia e riassetto.

CONTATTOLOGIA:
Controllo e applicazione lenti a contatto. Programmi personalizzati per lenti giornaliere, settimanali, mensili o semestrali, per qualsiasi difetto visivo.

VENDITA E ASSISTENZA:
Rivenditore autorizzato delle firme più prestigiose e di marche di nicchia. Consulenza mirata in base alle caratteristiche del viso e alle caratteristiche fisiche. Assistenza post-vendita. Personale multilingue.
Ottica F. La Barbera

Galleria Alberto Sordi, 57

presso Piazza Colonna - 00187 Roma


  +39 06 69924939

  +39 06 69924939

  info@otticalabarbera.com

CONSIGLI PER LA VISTA                 << go back

 

L’OPTOMETRISTA CONSIGLIA.
Gli occhi sono la nostra finestra sul mondo. attraverso di essi, ci è permesso non solo di vedere, ma anche di esprimerci e comunicare con gli altri.

L’occhio è un organo estremamente delicato e necessita una cura costante per preservare la qualità della vista, si consiglia di sottoporsi ad una visita optometrica ad intervalli regolari, in modo tale da accertare in tempo alterazioni e difetti visivi, che, se trascurati, potrebbero degenerare.
Esistono delle ametropie visive come, ad esempio, l’ipermetropia, che, essendo asintomatica, spesso non viene controllata periodicamente e, nei casi di maggiore intensità, può provocare la cataratta precoce. Una strumentazione diagnostica d’avanguardia ci permette di controllare e prevenire tempestivamente qualsivoglia alterazione visiva e maculare.

IL SOLE.
Il sole è un potenziale nemico per gli occhi. A causa dell’alterazione degli strati atmosferici, che hanno progressivamente generato il buco dell’ozono, i raggi uvx colpiscono la retina senza essere filtrati naturalmente e la loro azione sulla membrana è deleteria.
Un occhiale da sole di qualità è sicuramente un accessorio indispensabile per prevenire la maculopatia retinica degenerativa, una patologia molto diffusa e per la quale, al momento, non esistono terapie valide. Si consigliano lenti protettive, testate UE, siano esse scure, fotocromatiche e polarizzanti.

LA MIOPIA.
Nella miopia, l’occhio riesce a distinguere più nettamente gli oggetti vicini e in modo più o meno annebbiato gli oggetti posti ad una certa distanza. Può essere congenita, non sempre ereditaria, o sopravvenire con l’avanzare dell’età.
Sono particolarmente soggetti a questo tipo di patologia coloro che utilizzano quotidianamente il computer. In generale, l’occhio miope si presenta più grande di un occhio normale. La miopia può essere corretta con occhiali adeguati o lenti a contatto. Esistono anche lenti filtranti che neutralizzano gli effetti nocivi dei raggi del monitor. Si tratta del primo ed essenziale rimedio e non ha controindicazioni.

/ / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / /

PROTEGGI I TUOI OCCHIALI.
Indossarli e riporli impugnando entrambe le aste, per evitare di deformarli. Se possibile, evitare di indossarli durante le attività sportive, rischiando di ferire gli occhi.

NON APPOGGIARE GLI OCCHIALI CAPOVOLTI.
A lungo andare si graffieranno le lenti, compromettendo la visibilità. Riponendoli sempre nell’astuccio, gli occhiali avranno una vita più lunga.  

 

L’IPERMETROPIA.
L’ipermetropia è un difetto visivo ad ampio raggio ed interessa in maniera particolare gli oggetti vicini. L’ipermetrope è spesso dotato di una buona capacità di compensazione del proprio difetto e la sua capacità visiva può anche essere piuttosto soddisfacente. Tuttavia, questo sforzo può causare vari disturbi, tra cui senso di spossatezza, rossore e bruciore agli occhi, difficoltà di concentrazione. Nella maggior parte dei casi questa ametropia visiva comporta: cefalee,mal di testa ed iperemia congiuntivale. In questo caso, il cristallino viene sottoposto ad uno stress notevole che può provocarne un invecchiamento precoce e, come estrema conseguenza, la cataratta.
La misura correttiva più adeguata è costituita da uno specifico occhiale, chiamato volgarmente da riposo, da usare soprattutto per la lettura, per la televisione, il cinema e, ove previsto, anche nella guida e che ha la funzione di aiutare il cristallino nella messa a fuoco delle immagini, e dove viene prescritto anche per la guida. L’occhio ipermetrope si presenta più piccolo di un occhio normale.

L’ASTIGMATISMO.
L’astigmatismo interessa la cornea, che assume una forma ovaloide “torica”, contrariamente alla tipica forma sferica dell’occhio normale. Tale superficie concentra i raggi maniera diseguale, fornendo una visione deformata e sfocata. Si consiglia una correzione tempestiva, mediante l’utilizzo di occhiali adeguati. La degenerazione dell’astigmatismo è il cheratocono: questa patologia,una volta rara, ma oggi molto più frequente, consiste nell’assottigliamento delle pareti della retina e nella degenerazione della cornea, che assume una forma a cono con l’apice rivolto verso l’aria. La più valida opzione terapeutica è rappresentata dalle lenti gas permeabili specifiche, che garantiscono una buona risoluzione visiva e consentono di rallentare il decorso della malattia. Nel caso in cui le lenti a contatto non fossero sufficienti a garantire una visione adeguata e le pareti retiniche non garantissero uno spessore tale da prevenire complicazioni serie, si può ricorrere al trapianto della cornea (cheratoplastica), non sempre risolutivo.


/ / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / /

CONTROLLI PERIODICI.
È bene sottoporsi a periodici controlli della vista per verificare l’adeguatezza del potere diottrico delle lenti, per la correzione del difetto visivo. L’ottico è sempre pronto ad assicurare il perfetto comfort della montatura e il riassetto dell'occhiale sul viso.

 

LA PRESBIOPIA.
La presbiopia è un difetto visivo che sopraggiunge intorno ai 40-45 anni d’età ed è causata dalla perdita di elasticità del cristallino, che non riesce a focalizzare in maniera adeguata gli oggetti vicini.
La distanza necessaria per la lettura aumenta, provocando stanchezza oculare, nervosismo e rossore. La correzione più adeguata per il presbite consiste nell’occhiale da lettura. Per chi, invece, avesse bisogno di una correzione da lontano e contemporaneamente da vicino, si consigliano lenti progressive multifocali, che ottimizzano sia la visione da lontano, da media distanza (pc)e da vicino.
Le lenti monofocali sono indicate solo per un utilizzo circoscritto nel tempo. Per la stessa ragione, si consiglia di fare un uso usare moderato e limitato degli occhiali premontati, acquistati in farmacia o dagli stessi ottici.

LENTI A CONTATTO.
Allo stato attuale, il mezzo correttivo più efficace per la correzione dei difetti visivi di cui è rappresentato dalle lenti a contatto. Siano esse morbide che gas permeabili, applicate a contatto della cornea, consentono di vedere gli oggetti nella loro giusta dimensione e di non subire gli effetti negativi, che negli occhiali sono inevitabili. E’ consigliabile utilizzare le lenti giornaliere alternandole agli occhiali, mentre un uso più specifico e continuo richiede lenti mensili e annuali, che devono essere pulite e sterilizzate adeguatamente. Esistono anche lenti a contatto multifocali,che sostituiscono validamente gli occhiali multifocali ed eliminano ogni rischio di assuefazione alla correzione. Contrariamente alla pratica odierna, che tende a non utilizzarle, le lenti gaspermeabili costruiscono un’alternativa validissima, avendo raggiunto standard di affidabilità altissimi. Nel caso in cui la lente gas permeabile non possa essere applicata, le morbide astigmatiche possono sostituirle più che degnamente.











/ / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / /

PULIZIA DELLE LENTI.
Utilizzare un detergente neutro e un panno morbido per la pulizia degli occhiali. Agenti aggressivi e tessuti ruvidi compromettono l’integrità delle lenti.

ATTENZIONE AI SOLVENTI.
Lacche e profumi causano l'opacizzazione delle lenti, non consentendo più una visione nitida. Evitare quindi di utilizzarli quando si indossano gli occhiali.